Se il tuo Hard Disk non viene più riconosciuto dal computer/notebook o se non riesci più ad accedere ai tuoi file, probabilmente anche dopo aver fatto mille prove anche il tuo tecnico di fiducia o da un altro centro di assistenza al quale ti sei rivolto ti hanno detto di rassegnarti portalo da Eureka Sistemi.

Gli Hard Disk interni sono soggetti a guasti come gli altri componenti elettronici. Non è così strano che il tuo hard disk abbia smesso di funzionare improvvisamente e senza dare alcun segno di preavviso. Le cause possono essere le più svariate e non necessariamente sono legate all’usura o a un intenso utilizzo.

Problemi e cause:

 

  • GUASTO ELETTRONICO

SINTOMI:Hard disk alimentato, ma non funziona. Il disco non è rilevato dal BIOS e nemmeno dal sistema operativo.

La causa è dovuta alla scheda elettronica che ha il compito di gestire le operazioni di lettura e scrittura dei dati e anche di coordinare e controllare la comunicazione tra il disco rigido e il computer. Se questa scheda viene danneggiata si perde l’accesso ai dati.

 

  • GUASTO MECCANICO

SINTOMI: l’hard disk è alimentato, ma non funziona. Il motore non riesce a girare e certe volte le testine si sentono battere. Si avvertono chiaramente rumori insoliti al suo interno.

I danni meccanici nella maggior parte dei casi avvengono a seguito di urti o cadute del disco (sono molto frequenti negli hard disk esterni) ma possono accadere anche a seguito di normale usura. I componenti interni, come le testine di lettura-scrittura e il motore, possono smettere di funzionare senza nessun preavviso. La situazione peggiore è quando le testine “atterrano” sulla superfice del disco danneggiandolo sia sulla superfice magnetica che sulle testine stesse. In questo caso è necessario l’utilizzo della camera bianca.

 

 

  • PROBLEMA LOGICO

SINTOMI:La partizione è sparita. Alcuni o tutti i file sono scomparsi.I comuni software di recupero dati riescono ad analizzare il disco (senza rallentamenti e nelle sua reale capacità).

I problemi logici identificano tutti quei casi in cui non sono coinvolti danneggiamenti fisici. Il recupero dati in questi casi può essere semplice ma a seconda delle circostanze può divenire anche molto complesso. Alcuni esempi sono: la cancellazione accidentale, formattazione accidentale, la corruzione di file, bug del software, corruzione del file system, problemi derivati da virus malware, e molti altri. I problemi di questo tipo possono aggravarsi rendendo il recupero talvolta impossibile quando avviene una sovrascrittura. E’ quindi sempre consigliabile di interrompere l’utilizzo dell’hard disk per non peggiorare le cose.

 

  • DANNEGGIAMENTO FIRMWARE

SINTOMI: L’hard disk gira, ma non viene riconosciuto dal computer o  viene riconosciuto in modo errato oppure l’hard disk sembra partire ma si blocca durante l’avvio.

Il firmware è il software normalmente accessibile solo dai produttori di dischi ed e’ usato per fare il test del disco di basso livello e altre funzioni per il normale e corretto funzionamento dell’ hard disk. Senza il firmware, nessuna comunicazione è possibile tra il computer e il disco rigido. Nei moderni hard disk il codice del firmware è contenuto sia nella scheda elettronica che nei piatti magnetici. Se l’area che contiene il firmware  danneggia apparentemente anche la parte elettronica ne viene influenzata e si comporta come se fosse danneggiata. In realtà tutti i componenti elettronici e meccanici sono ancora tutti perfettamente funzionanti.

 

  • SUPERFICIE DEGRADATA (o degrado magnetico)

SINTOMI: L’hard disk funziona ma si blocca all’improvviso. L’hard disk impedisce l’avvio del computer e la copia dei file seppur visibili non è possibile.

La superficie dei piatti magnetici, dove fisicamente si trovano i dati, oltre che perfettamente integra deve mantenere il suo magnetismo inalterato. Se questo non viene mantenuto è necessario l’utilizzo di  speciali strumenti per pilotare il funzionamento della meccanica per effettuare il recupero dei dati.